TRAUMA  E PSICOTRAUMATOLOGIA | Loredana Tromboni Psicologa
Psicologo monzabrianza, un valido aiuto per chi ha bisogno. Il sito mostra degli esempi e degli articoli delle problematiche trattate
Psicologo,Psicoterapeuta,Psicoanalista,Psico,Psicologa,Psicologia,Aiuto,aiuto,benessere,psicologo,psicoterapeuta,psicoanalista,monza,brianza,Monza,Brianza,Monza-brianza,monza-brianza,monzabrianza,ansia,depressione,mania,ossessione,disturbo,rabbia,paura,angoscia,solitudine,menopausa,wordpress,articoli,casi clinici,clinica
16094
page-template-default,page,page-id-16094,page-child,parent-pageid-15874,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

TRAUMA  E PSICOTRAUMATOLOGIA

TRAUMA  E PSICOTRAUMATOLOGIAL’essere stati  vittima di un esperienza traumatica,  cioè di uno o più eventi  che  mettono a rischio  la nostra vita e la nostra sicurezza  o quella di una persona cara  (incidente,  terremoto o altri disastri naturali, guerre,  morte di una persona cara,  abbandoni e separazioni,  violenza fisica o sessuale subita o assistita,  ecc),  porta a conseguenze che possono essere devastanti e durare per tutta la vita .

Queste conseguenze  non sono riscontrabili solo a livello emotivo ma lasciano il segno  anche nel corpo di chi è sopravvissuto.

Le ricerche scientifiche    hanno dimostrato  che i segni  sono visibili anche a livello cerebrale, riscontrando  , ad esempio un volume ridotto dell’ippocampo e dell’amigdala.

Queste scoperte,  avvenute recentemente  grazie all’utilizzo di sofisticati strumenti di indagine, gettano  luce sulla stretta connessione mente-corpo. Ciò che ha un impatto  emotivo  molto forte si ripercuote  anche a livello corporeo e neurobiologico.  Risulta   evidente la necessitò do intervenire terapeuticamente su questi eventi, che sono traumi proprio  perché  la vittima non ha potuto elaborarli. Un mio paziente che ha rischiato di morire per lo scoppio di una bombola d’ossigeno, nei momenti di forte ansia (ad esempio alla vigilia di un esame) provava  dolore alla mascella proprio dove era stato colpito ma che era perfettamente guarita. Dopo la rielaborazione del trauma il dolore non è più tornato.

Il 70%   dei casi tende a  risolversi naturalmente, grazie all’innato  meccanismo di elaborazione delle  informazioni presente nel cervello, in grado  di integrare le informazioni relative all’evento all’interno delle reti mnestiche, rendendolo “digerito” cioè ricollocato nella nostra mente in  modo  più adattivo .

 

Reazioni durante e dopo l’evento traumatico

 

Queste reazioni, che creano sofferenze e disagio intollerabile, in realtà proteggono da un crollo psicologico, sono:

  • Senso di irrealtà – Si ha la sensazione di essere dentro a un film, le scene si svolgono come al rallentatore, i sensi sono acutizzati per fare una rapida valutazione dei pericoli presenti nella situazione, cercando delle vie d’uscita o altre soluzioni. Subito dopo l’esperienza traumatica, la realtà quotidiana attorno a noi può sembrare irreale o irrilevante, come se ci trovassimo sotto a una campana di vetro o in mezzo ad un incubo
  • Reazioni fisiche– Sono normali la tachicardia e il senso di nausea. In genere si sente caldo o freddo, oppure paura di stare da soli, bisogno di vicinanza, di un supporto e aiuto concretoAlcune delle reazioni successive all’evento. Problemi digestivi, senso di nausea, stanchezza.
  • Pensieri intrusivi – Arrivano involontariamente pensieri, ricordi e immagini di quello che è successo. Compaiono soprattutto in momenti di rilassamento, per es. prima di dormire e si accompagnano di un senso di disagio.
  • Problemi di sonno– In genere il sonno è leggero, ci si sveglia spesso, si hanno degli incubi o sogni ricorrenti dell’evento.
  • Associazione con altri stimoli– È comune che alcuni stimoli ambientali, persone o situazioni richiamino l’evento in modo involontario. Questo è dovuto al fatto che l’evento viene associato ad altri fattori che provocano un certo malessere o ansia. Ovviamente lo stimolo da solo, se non venisse associato all’evento traumatico, non generebbe alcun disagio.
  • Difficoltà di concentrazione– Poca concentrazione in attività quale la lettura, la visione di un film, ecc.
  • Disperazione– È difficile accettare i fatti attuali e non si riesce a pensare al futuro in modo adeguato.
  • Colpa– Si ha senso di colpa ad esempio per essere sopravvissuti quando un’altra persona è morta o ferita gravemente. C’è una tendenza a colpevolizzarsi per non avere fatto a sufficienza. È comune dirsi: “Se io solo avessi……..”
  • Vulnerabilità – Paura del futuro oppure impazienza e irritazione con gli altri, sopratutto con i familiari. Indifferenza verso cose che prima dell’incidente erano molto importanti per la persona. Questo a volte crea incomprensione con gli altri da cui scaturiscono ulteriori difficoltà .
  • Il significato della vita– Le persone pensano ripetutamente a quello che è successo per cercare di capire l’evento. In alcuni casi i pensieri sulla causa dell’evento e sulla vicinanza della morte e la vita sono molto comuni. Il senso della propria invulnerabilità scompare.

 

Di che cosa abbiamo  bisogno quando subiamo un’esperienza traumatica?

 

  • Avere una persona con cui parlare dei propri pensieri e sentimenti.
    È importante considerare il fatto di aver bisogno di un aiuto di una persona di fiducia per superare il momento.
  • Cercare di mantenere la routine quotidiana, per esempio tornare al lavoro al più presto, anche se la capacità lavorativa sarà ridotta perchè ci si stanca facilmente
  • Essere consapevoli che, anche se le reazioni e le emozioni sono forti, questo è normale.
  • Darsi il tempo necessario per riguadagnare le proprie forze.

Se  i disturbi persistono oltre  uno – due  mesi con la stessa intensità e frequenza è necessario chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta specializzato in psicotraumatologia e formato all’utilizzo della metodologia EMDR (Eye Movement Desensitation and Reprocessing).   Questo trattamento specialistico porta all’attivazione del  processo di elaborazione del trauma ed alla risoluzione del DPTS (disturbo post traumatico da stress).

 

Recentemente  ho raccolto la testimonianza di un’uomo che  ha vissuto   l’inondazione del Polesine. A distanza di sessant’anni  rivive  quei drammatici momenti con lo stesso terrore di allora    Storia di Beppe