AUTOSTIMA: Fiducia in se stessi | Dott.ssa Loredana Tromboni
Psicologo monzabrianza, un valido aiuto per chi ha bisogno. Il sito mostra degli esempi e degli articoli delle problematiche trattate
Psicologo,Psicoterapeuta,Psicoanalista,Psico,Psicologa,Psicologia,Aiuto,aiuto,benessere,psicologo,psicoterapeuta,psicoanalista,monza,brianza,Monza,Brianza,Monza-brianza,monza-brianza,monzabrianza,ansia,depressione,mania,ossessione,disturbo,rabbia,paura,angoscia,solitudine,menopausa,wordpress,articoli,casi clinici,clinica
16052
post-template-default,single,single-post,postid-16052,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode-theme-ver-9.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

AUTOSTIMA :Fiducia in se stessi e stima di sé

autostima

AUTOSTIMA :Fiducia in se stessi e stima di sé

Autostima significa “stima di sé”: è l’idea che abbiamo di noi stessi. E’ l’insieme dei concetti e dei giudizi che abbiamo su di noi rispetto  il carattere, le capacità, l’aspetto fisico, i successi e gli insuccessi che abbiamo conseguito nei vari ambiti della nostra vita.

L’insieme di queste autovalutazioni determina appunto il nostro livello di autostima che può essere più o meno alto,
positivo o negativo.

Anche l’idea che noi ci facciamo su come ci vedono gli altri concorre a formare la nostra autostima, anche se quasi mai coincide con quello che  effettivamente  gli altri pensano di noi.  Se interrogassimo le  persone che ci conoscono scopriremmo che ognuno di loro ci vede in modo  diverso. 

Spesso queste valutazioni sono associate a un’idea di valore, perchè noi tendiamo a valutarci  in termini quantitativi invece che qualitativi. Ci facciamo domande tipo  “Quanto valgo?”  piuttosto che “Quali sono i miei punti di forza?” . La prima domanda esprime un giudizio di merito  mentre la seconda ci porta a  conoscerci, capirci, accettarci,  valorizzarci .

  • Chi ha un livello di autostima basso tende a concentrarsi sui suoi difetti ed a sminuire i propri pregi. Si sente insicuro e  dà un peso eagerato  al giudizio degli altri. L’insicurezza può creare paure immotivate che  incidono negativamente sulla  vita quotidiana e sui rapporti interpersonali  sia affettivi che lavorativi.
  • Chi ha un livello di autostima alto ha un buon giudizio  di sé e lo mantiene anche nelle situazioni sfavorevoli. Mostra una certa stabilità mentale ed emotiva. Tende a non  farsi condizionare dal giudizio degli altri, affronta le situazioni problematiche senza perdere la fiducia in se stesso.
  • Chi ha un ‘autostima esagerata,  si concentra esclusivamente sui suoi pregi e tende a sopravvalutare le proprie capacità. A  volte  può sentirsi troppo sicuro di sé o addirittura infallibile. Per contro  squalifica gli altri considerandoli inferiori. Tuttavia  questo atteggiamento di superiorità spesso serve a mascherare sentimenti  di profonda inadeguatezza. 

L’Autostima: avere fiducia in se stessi

Spesso si pensa erroneamente  che la propria autostima debba andare di pari passo alle proprie capacità. La vera autostima è  invece una percezione stabile, che dovrebbe prescindere da quello che siamo capaci di fare e dai risultati che otteniamo. 


Le persone con una buona stima di sè, infatti, sono capaci di riconoscere i propri pregi ma anche i propri difetti e i propri limiti. Si accettano così come sono, hanno fiducia in se stessi e nel fatto che si può sempre migliorare. Infatti, solo una buona considerazione di noi stessi ci dà la forza per impegnarci nelle sfide della vita

Vediamo un esempio.—> vai al blog “Autostima e perdita del lavoro” 

Le cause della bassa Autostima

Come le altre caratteristiche  della personalità, l’autostima si forma negli anni di pari passo con il proprio  percorso evolutivo . In assenza di  gravi problemi di salute, menomazioni o disabilità, le basi di una buona autostima si gettano nei primissimi anni di vita attraverso il rapporto con le figure genitoriali. Lo sguardo amorevole ed orgoglioso della mamma è il primo specchio in cui vediamo riflesso il nostro valore. I genitori diventano  un modello di comportamento con cui ci identifichiamo. Se entrambi hanno una bassa stima di sè  ci trasmettono l’idea che anche noi non valiamo. Ad esempio,  per una bambina che assiste quotidianamente a vessazioni ed umiliazioni inferte dal padre alla mamma senza che questa reagisca ed alzi la testa, è facile introiettare pensieri di autosqualifica e di autoindegnità.  Questa percezione può poi venire  confermata o disconfermata dall’ambiente esterno, ad esempio dalla scuola o dalle prime esperienze amorose.

Fortunatamente il  livello di autostima non è scritto nel nostro DNA.

E’ quindi possibile migliorare la fiducia in noi stessi. E’ importante concentrarsi sui propri lati positivi e svilupparli. Non farsi abbattere da ciò che non si sa fare, da quello che non si riesce ad essere. Accettarsi per come si è sapendo  di poter sempre migliorare, ci permette di vivere la vita in modo pieno. Questo atteggiamento è possibile ma per molti è difficile da mettere in pratica. 

Quando vedere le proprie risorse diviene impossibile  e la percezione negativa di noi stessi ci impedisce di vivere serenamente, c’è il rischio che questa situazione di stallo diventi cronica. Possono subentrare   disturbi della  personalità oppure  uno stato di depressione.  In questo caso è necessario  rivolgersi ad uno Psicologo Psicoterapeuta.

Come curo la Bassa Autostima

Il trattamento terapia della bassa autostima avviente attraverso la formulazione di un piano terapeutico personalizzato su tre livelli: presente, passato, futuro. 

  • Il primo analizza e mette a fuoco  le convizioni negative ed i pensieri disfunzionali  legati alla mancanza di valore, di cui il paziente spesso non è consapevole ma che agiscono  in modo automatico. Ad esempio “non vado bene” “sono colpevole” “non sono degno di amore” “sono destinato a fallire”  “nessuno mi apprezza” ecc ecc , l’elenco potrebbe continuare all’infinito.
  • Nel  secondo step paziente e terapeuta insieme scelgono alcuni episodi  del passato in cui la persona è stata vittima di traumi, umiliazioni, denigrazioni, sfruttamento  ecc (trascuratezza o violenza in famiglia, isolamento a scuola, atti di bullismo,  ecc). Esperienze  che hanno minato la propria sicurezza di base bloccando lo sviluppo dell’autostima. Queste esperieze vengono elaborate in modo che non interferiscano più con il presente permettendo al paziente di diventare finalmente il vero ed unico arbitro del proprio valore
  • Il terzo step è centrato sulla scoperta ed il rinforzo dei suoi punti di forza e nell’affinamento dei suoi talenti. Inoltre il paziente viene “allenato” a  sviluppare la propria     Assertività, cioè a mettere in primo piano i suoi bisogni ed i suoi desideri.  Tutto questo concorre ad aumentare la fiducia in  se stessi e quindi ad alzare il  livello di autostima.

Fissa un Appuntamento presso la sede di Monza

Per coloro che fossero interessati ad approfondire le tematiche relative alla Fiducia in se stessi e stima di sé con la dott.ssa Loredana Tromboni, psicologa e psicoterapeuta a Monza e Desio, è possibile chiamare il numero347 33 011 28 oppure mandare una mail all’indirizzo loredana.tromboni1@gmail.com per prenotare un primo colloquio psicologico.

E’ possibile inoltre consultare la pagina dei contatti del sito per avere ulteriori informazioni e delucidazioni sulla modalità di contatto della dott.ssa Loredana Tromboni.

 

Tags: